Vivere la casa con stile

Storia della tavola

“E” come etichetta

Riconosciuto come rituale comunitario, il pasto conviviale segue i criteri della cultura cortese, nella quale si pone come fulcro della festa signorile. Come rituale aristocratico esso veniva regolato da un rigido cerimoniale gerarchico, che prevedeva spesso la separazione dei sessi e una distribuzione codificata dei posti a tavola. Rispetto al mondo antico il Medioevo occidentale […]

Continue reading...

“A” come Argento

Il termine deriva dal latino “argentum”, nobile metallo. Sulla tavola, nel corso dei secoli, lo abbiamo visto sotto forma di posate, ciotole, vassoi, teiere, zuccheriere, caffettiere, coppe, alzate e piatti. In ogni caso simbolo di distinzione sociale per la famiglia che lo esibiva nei suoi banchetti. L’epoca di maggiore produzione degli argenti fu il secolo […]

Continue reading...

Dalla credenza alla vetrinetta

di Sara Gilli – God Save The Tea. Tutto è partito da qui. foto sopra dal libro The Vintage Tea Party book di Angel Adoree Una tavola imbandita, con tazze da tè tutte diverse, oggetti di ogni tipo e tanto gusto. Io volevo avere almeno 8 trio (così si chiama il set tazza, piattino e […]

Continue reading...

Indovina chi viene a cena?

di Elisabetta Badiello. A mangiare son prima gli occhi della bocca! E una tavola preparata con stile conferisce dignità anche a una semplice gamba di sedano o un cetriolo. Non che il piacere del palato si debba considerare così esaurito ma al Museo della Ceramica di Bassano del Grappa, in provincia di Vicenza, la collezione […]

Continue reading...

“D” come diable

di Laura Tasso. Le pentole di coccio hanno origini molto antiche – già le usavano greci e romani – e godono attualmente di nuova popolarità grazie alla tendenza attuale a cuocere con pochi grassi o, possibilmente, senza. Oggi parliamo di una pentola di terracotta porosa, con un coperchio dalla chiusura perfetta, conosciuta con il nome […]

Continue reading...

Serenissima a tavola

di Elisabetta Badiello. Tra dolce e salso, pollame e pescato, la storia dell’isola lagunare si racconta anche attorno al desco. Un percorso storico e sociale, quello della mostra “Acqua e cibo a Venezia. Storie della Laguna e della Città” fino al 14 febbraio a Palazzo Ducale, in quelli che furono gli appartamenti del Doge. Cento […]

Continue reading...

“P” come piatto in cui mangiamo

di Marco Boietti. Piatto è un aggettivo. Sinonimo di scialbo, spento, non interessante. Piatto in qualità di sostantivo è altro. Per la sua capacità di animarsi, di trasformarsi, di interpretarsi, di evolversi. La foglia verde, eco-compatibile, adottata da un modello di civiltà molto, o forse, troppo lontana da quella occidentale contemporanea, assume col tempo le […]

Continue reading...

Come riconoscere una (vera) tazza da tè

di Sara Gilli – God save the tea Credevo che la tazza in cui bevevo il mio tè non facesse la differenza. Mi sbagliavo. Quando ho provato ad assaggiare il tè in una tazza di fine porcellana inglese, mi sono resa conto che immediatamente il tè assumeva un’aura diversa: riuscivo ad assaporare meglio il gusto […]

Continue reading...

Design e Acciaio Inox: un viaggio nello stile

La storia di una vera rivoluzione stilistica è in mostra a Liegi al Musée Le Grand Curtis: Cuillère Couteau Fourchette, Design du couvert en inox, è una panoramica incredibile su progetti di ieri e di oggi accomunati dall’uso dell’acciaio inox, un viaggio stilistico che illustra gli usi e costumi a tavola negli ultimi ottant’anni. Bomba by […]

Continue reading...

“D” come dessert

Oggi la nostra rubrica sulla storia della tavola vuole occuparsi di dolce, e per una volta di quello che va sulla tavola non come accessorio della convivialità ma come dessert da mangiare. Sapete da dove nasce il termine dessert? In realtà i dolci, intesi in senso lato, hanno avuto uno sviluppo parallelo alle rotte commerciali […]

Continue reading...