mars desert research station

Building a Martian House – una colonia su Marte

L’idea di vivere sul pianeta rosso stimola i sogni dell’uomo fin dalla notte dei tempi. Oggi non è più semplice fantascienza, ma una cosa ipotizzabile, in un futuro non troppo lontano.

Un prototipo reale di una vera casa marziana, nato da una domanda semplice, seppur fondamentale: è possibile vivere su Marte? La risposta è “Building a Martian House”, un’installazione artistica pubblica, visitabile a Bristol (Regno Unito) in M Shed Square, fino alla fine di ottobre 2022. Un progetto visionario, frutto della mente di due artiste, Ella Good e Nicki Kent – in collaborazione con Hugh Broughton Architects e Pearce+ – che ha coinvolto designer, architetti, scienziati spaziali ed esperti, tra cui la responsabile della ricerca e dello sviluppo di Duravit, l’ingegnere Franziska Wülker.

Ella Good and Nicki Kent at Mars Desert Research Station Utah credit Satori Photos
Ella Good and Nicki Kent

Building a Martian House in M Shed Square, Bristol
martian house bristol

graphic martian house

L’installazione è caratterizzata da interni mutevoli, che permettono di esplorare nuove possibilità di vita, partendo da una cultura sostenibile. Un’idea progettuale rivoluzionaria: “Marte è un luogo in cui si deve vivere con attenzione e molte risorse” spiega Niki Kent. “Immaginando come vivrebbe lì una piccola comunità, il progetto dà uno sguardo critico alla nostra vita qui sulla Terra e al nostro difficile rapporto con il consumismo” aggiunge Ella Good.

Comfort e vita in un ambiente ostile

Franziska Wülker è stata chiamata a dare un serio contributo progettuale. Già nel 2020 ha preso parte alla Lunar Loo Challenge della NASA, che mirava a sviluppare una toilette che funzionasse sia a gravità zero che sulla luna. Una proposta che è stata presa seriamente in considerazione, arrivando tra le prime 3. Ha partecipato a questo progetto affascinata dalla discrepanza tra ambiente ostile e comfort quotidiano, un binomio che si dovrà prima o poi affrontare anche sulla Terra.

La vita quotidiana su Marte è caratterizzata da sfide e a volte può essere piuttosto difficile. Ecco perché è così importante che gli oggetti casalinghi di uso quotidiano siano progettati per essere il più semplici e confortevoli possibile. Soprattutto le cose di cui non ci piace parlare. Come usare il bagno” – Franziska Wülker, responsabile della ricerca e dello sviluppo di Duravit.

Interni del progetto/prototipo Building a Martian House
interni martian house

interni progetto martian house

serra martian house

The Martian Toilet: SensoWash ® Starck f

Unione di vaso e bidet, il vaso con sedile elettronico di Duravit offre un’igiene delicata e confortevole. Molto più sostenibile della carta igienica, l’acqua rimuove i batteri, favorisce la circolazione sanguigna e si prende cura della pelle.Con SensoWash® si riduce il consumo di carta igienica, inoltre è possibile garantire un elevato livello di comfort e igiene” afferma la Wülker.

In più, sottolinea: “Le acque grigie trattate, provenienti da lavabi e docce, possono essere utilizzate per lo scarico, mediante un sistema circolare”. Un aspetto importante, che risolverebbe, in parte, il problema dell’acqua sul pianeta rosso, reperibile solo tramite estrazione e scioglimento dai ghiacciai presenti ai suoi poli.

SensoWash ® Starck f all’interno del prototipo marziano
bagno martian house progetto

Il progetto “Building a Martian House” è una vera e propria finestra sul futuro, riassunta nelle parole di una delle sue creatrici, Ella Good: “Ognuno condivide la propria esperienza relativamente al nostro modo di vivere e svolge un ruolo nel plasmare il nostro futuro insieme”.

duravit.it
buildingamartianhouse.com

SensoWash ® Starck f
sensowash wc comandabile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenti sul post

Share on Facebook
Share on WhatsApp
Share on Pinterest

Calendario Fiere & Eventi

Lun
Mar
Mer
Gio
Ven
Sab
Dom

Iscriviti alla newsletter

Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei miei dati personali. *

Seguici

Share on Facebook
Share on WhatsApp
Share on Pinterest
Articoli correlati