Vivere la casa con stile

Mole House

di Anna Vittoria Zuliani.

Nel cuore del quartiere londinese di Hackney, il team del pluripremiato architetto David Adjaye ha trasformato in casa-studio una vecchia abitazione vittoriana. Committente è l’artista contemporanea Sue Webster, rimasta affascinata dalla storia più recente della costruzione. 

Occupava in precedenza la costruzione il così definito “Mole Man of Hackney”, l’Uomo Talpa, conosciuto per avere scavato per anni una rete di tunnel sotto alla casa, creando un sistema di passaggi sotterranei multidirezionali. Il progetto ha perseguito l’obiettivo di preservare la storia architettonica e sociale della casa, la cui struttura risultava ormai fragile, indebolita e gravemente compromessa dall’attività di estrazione, e per questo fu abbandonata e sequestrata per operazioni di scavo. Sono stati necessari preliminarmente interventi ingegneristici di riempimento dei tunnel con calcestruzzo areato e operazioni di rimozione di tonnellate di detriti per ripristinarne la tenuta statica. 

Il progetto di riconversione nasce da un esercizio archeologico, un processo che ha dissotterrato circa 2000 tonnellate di calcestruzzo di riempimento. 

casa ristrutturata londra
La casa, che occupa un lotto di forma triangolare, è dotata di molteplici ingressi, evocativi dei tunnel scavati, e il volume preesistente è stato ampliato al piano seminterrato, consolidando le fondazioni preesistenti e creando spazi di nuova configurazione, fortemente contemporanei. 

interni casa hackney londra
Lo sviluppo avviene dunque su tre piani, destinando i due superiori ad abitazione e quello inferiore a spazio studio. Il giardino è costellato di frammenti di calcestruzzo lasciati a memoria della storia più recente della costruzione. Il progetto ha previsto inoltre la conservazione del paramento murario originale, integrato con 15000 mattoni londinesi recuperati destinati alle porzioni danneggiate.

Il mantenimento dell’intonaco esterno conferisce alla costruzione le caratteristiche di un edificio abbandonato, evocando l’aspetto che l’ha caratterizzata negli ultimi decenni. L’architettura richiama esternamente l’aspetto di un bunker, mentre si presenta internamente permeata dalla luce.

living casa hackney
Una fascia di cemento taglia orizzontalmente il volume della casa: al di sotto, contemporanei bow-windows dai telai in bronzo portano luce agli spazi abitati.  Internamente, la casa è stata completamente sventrata: una struttura in cemento armato a croce suddivide lo spazio orizzontale in quattro ambienti e sostiene solai e controventature per le chiusure verticali. 

scala legno casa hackney
Gli spazi sono caratterizzati dall’uso di pochi materiali: cemento a vista, legno, mattone. Il piano superiore, per il quale sono stati necessari importanti interventi di rinforzo in seguito a danni causati da incendi e corrosione, è illuminato da un ampio lucernario.

finestra tetto casa hackney
Una lastra di ardesia è collocata a copertura in sostituzione dell’originario tetto a due falde. L’uso del materiale si pone in forte contrasto con il mattone esterno e in continuità con i telai dei serramenti e con la recinzione. 

Il progetto di Adjaye Associates ha rispettato l’intenzione di preservare il passato della costruzione rendendola estremamente funzionale e preparandola a una nuova storia, quella dell’artista Sue Webster. 

casa bunker hackney

Tutte le immagini sono di Ed Reeve