Vivere la casa con stile

Robot aspirapolvere Samsung Powerbot- provato per voi

Uscire di casa e sapere che qualcuno si occupa delle pulizie, di continuo, senza sosta e per giunta dove vogliamo noi e all’orario che più ci piace. Questa è la comodità di possedere un robot aspirapolvere, un elettrodomestico che ormai è entrato di diritto nelle nostre case, grazie alla tecnologia sempre più precisa e alla miniaturizzazione dei componenti. Certamente parliamo di un oggetto che rientra in una fascia di prezzo medio alta, ma di fatto esegue le pulizie mentre noi siamo fuori o in un’altra stanza della casa, cosa che un tradizionale aspirapolvere, a traino o cordless, non potrebbe fare senza il nostro intervento manuale. Quindi conviene acquistare un robot aspirapolvere oggi o dobbiamo aspettare ancora qualche tempo?

Noi abbiamo provato il robot aspirapolvere Samsung Powerbot VR7000 nella versione 20W con Wi-fi, mettendolo anche sotto stress e chiedendo a volte delle operazioni particolari. Vediamo come si è comportato sul campo, anzi sul pavimento.

robot aspirapolvere casa tappeto
LA FORMA AIUTA NELLE PULIZIE
Partiamo dalla forma del robot. Visto dall’alto non è perfettamente tondo perchè nella parte anteriore presenta una vasta zona piatta dove alloggia la spazzola e l’ampio sensore Full View Sensor 2.0 che è in grado di individuare con precisione gli ostacoli più piccoli. Proprio questa “banda” anteriore permette una pulizia efficace lungo lo zoccolino e gli angoli della stanza, perchè nel momento in cui il robot si avvicina alla parete, tira giù una sorta di “tendina” tra lui e la parete, funzione Edge Clean Master, che permette alla spazzola di catturare tutto lo sporco. Nella parte superiore del robot è alloggiata una telecamera che attraverso il sistema Visionary Mapping Plus crea una mappa completa della casa e individua i percorsi di pulizia ottimali.

Tutti “accessori” tecnologici che sicuramente aiutano nell’attività del robot, ma non possono superare l’ostacolo dell’affollamento di arredi in casa. Un conto è tirare su le sedie, altra faccenda è lasciarle alloggiate sotto al tavolo. In questo caso le pulizie dureranno meno perchè il percorso che il robot dovrà fare, sarà molto più complesso. Quindi la prima regola è togliere per quanto possibile ogni ostacolo di troppo. Noi abbiamo provato tutte e due le situazioni e nel caso del normale affollamento, è spesso rimasto intrappolato tra le gambe delle sedie in una sorta di balletto senza fine, riuscendo a liberarsi dopo qualche minuto. Naturalmente, togliendo il più possibile ostacoli, si è comportato bene e ha seguito dei tracciati di pulizia corretti.

aspirapolvere robot samsung
PASSA SOTTO AI MOBILI?
Anche se le sue dimensioni sono importanti, parliamo infatti di un diametro di circa 35 cm, la sua altezza inferiore ai 10 cm permette un passo agevole anche sotto ai mobili e di conseguenza una pulizia completa. Ci saremmo aspettati qualche incertezza, una volta sotto al mobile, invece si è comportato molto bene e nelle fasi successive alla prima pulizia, quella per capirci appena fuori dall’imballo, il suo percorso è stato molto preciso ed efficace. Unica pecca sono i tappeti con le frange. Irrimediabilmente , malgrado sia dotato di ruote maggiorate che consentono un agevole superamento dei dislivelli, le frange si impigliano e il robot non è in grado di salirci sopra. Se però il tappeto è liscio, sale senza problemi e attiva la funzione Power Control che determina la potenza del motore in base alla superficie, portandola alla massima aspirazione. Se il tappeto però non è ancorato al pavimento attraverso il classico antiscivolo, il robot fatica a salire anche se è senza frange.

AUTONOMIA
Con carica massima ottenuta rimanendo parcheggiato nella sua base, all’incirca dopo quasi 3h, il robot si è mosso per tutta casa all’incirca per 60 minuti, prima di fare rientro alla postazione. Ovvio che se vogliamo far pulire una stanza in particolare, è meglio chiuderlo dentro e portare li anche la sua base di ricarica. In ogni caso, l’autonomia dipende dalla potenza programmata. Nella modalità Normale dura 1 ora, nella modalità Max fatica ad arrivare a 30 minuti e nella modalità Quiet, quella meno potente, arriva quasi all’ora e mezza. Abbiamo notato che la base di ricarica deve essere posizionata in una zona molto sgombra perchè durante le manovre di rientro il robot compie delle traiettorie curve con ampio raggio.

robot aspirapolvere vista spazzole
COMANDI INTUITIVI
E’ dotato di un telecomando con tutte le funzioni, dalla scelta della modalità di pulizia ( Spot, Repeat) alla potenza di aspirazione, alla programmazione degli orari di attività e perfino al comando Point Cleaning, che serve per pulire un punto specifico del pavimento. Basta infatti premere il pulsante puntando il telecomando davanti al robot, creando un fascio luminoso che lo guiderà verso il punto da pulire. Sempre sul telecomando è possibile “guidare” letteralmente il robot in un punto che desideriamo, attraverso i cursori direzione. Una funzione comoda e pratica ma a volte il ritardo nella risposta del comando impartito rende la navigazione complessa. Anche i tasti touch presenti a bordo del robot permettono di scegliere le funzioni in modo semplice. E cosa interessante, parla in diverse lingue, selezionabili attraverso il telecomando e ci avvisa di quello che sta per fare. Inoltre è dotato di Wi-fi e tutte le operazioni possono essere effettuate tramite la app dedicata ma solo previa registrazione.

PULIZIA DEL CONTENITORE DELLO SPORCO
Il contenitore dello sporco si trova nella parte sueperiore del corpo del robot. Attraverso un comodo pulsante si può estrarre per essere svuotato nella pattumiera. Abbiamo constatato che nella sua massima autonomia bisogna effettuare almeno un paio di svuotamenti, perchè è piccolo. La nota positiva però è che i peli degli animali domestici, non si sono stranamente arrotolati nella spazzola anteriore, come spesso accade con un aspirapolvere tradizionale. Però dobbiamo segnalare che lo svuotamento non è molto agevole perchè prima di accedere al contenitore, bisogna sollevare il filtro attraverso un piccolo anellino di plastica incastrato tra le maglie dello stesso e al terzo svuotamento ti rimane in mano. Sarebbe stato meglio pensare a delle linguette sulla sagoma gommata del filtro come appiglio.

robot aspirapolvere samsung

Per maggiori dettagli e prezzi delle varie versioni disponibili, compresa quella della nostra prova – samsung.com