Vivere la casa con stile

I fiori di Villeroy & Boch

In un turbine di petali e boccioli, l’evento Flower to eat, organizzato da Villeroy & Boch nello showroom milanese in via Mirabello, è stato una sorpresa sensoriale che ha unito design a un’esperienza inedita sul campo per mise en place e idee innovative nel variare la propria dieta con i frutti dei nostri vasi: i fiori.

Le collezioni di Villeroy & Boch La Classica Nuova e Artesano Provençal lavendel sono state lo spunto creativo e la partenza per un viaggio alla scoperta dei fiori commestibili come elemento decorativo. Un mondo affascinante descritto dalla garden designer e blogger Dana Frigerio, maestra d’eccezione e guida creativa verso una visione floreale ancora da scoprire. I fiori sono già amati dagli chef stellati ma non vengono presi in considerazione per la tavola di tutti i giorni.

villeroy & boch

Da dove partire? Dai fiori. La regola fondamentale è informarsi su quali siano commestibili (e noi vi aiuteremo con un elenco nell’highlight sotto), svelato l’arcano si scopre un mondo fatto di aziende specializzate nonché innumerevoli ricette e idee gustose nella loro semplicità.

In un elegante gioco di decor, garofani, bocche di leone, violette e dalie sono diventati ingredienti per gli occhi e per il palato: un placè divertente e colorato, sicuramente diverso dal solito. Le composizioni sembravano uscire direttamente dalle decorazioni della collezione Artesano Provençal lavendel, creando un’illusione ottica tra fiore dipinto e fiore reale di grande impatto, elegantissimo nella sua semplicità ed enfatizzato invece nell’incontro con il candore della linea La Classica Nuova, con piccoli giochi di spazi e vuoti che, a un occhio poco attento, potevano sembrare dipinti.

villeroy & boch

Se volete conoscere passo passo tutti i trucchi usati da Dana per trasformare la vostra tavola, in una decorazione floreale e stupire i vostri ospiti con una mise en place davvero originale, cliccate qui.

villeroy & boch

 

 

Tutto sui fiori commestibili

Nell'ordine, varietà, stagione e uso consigliato nelle vostre ricette. Ageratum - da marzo a novembre - insalate, gelati, carni, zuppe, pasticcini, salse e yogurt. Anthirinum – tutto l'anno – insalate, tartine, pasta, carne, sorbetti, yogurt . Begonia sempreflor – marzo novembre – rosso: carni, dolci e macedonie. Bianco e rosa: insalate, dolci e creme. Borragine – aprile novembre – insalate, frittate, zuppe, carni, yougurt, gelati, pasticcini, bevande e dolci vari. Calendula – aprile ottobre – foglie e fiori ottime per brodi e bevande. Fiori per risotti, frittate, burro e yogurt. Dalia – marzo novembre – dolci, confetture, creme, pasticcini, zuppe, tartine e insalate. Dianthus – tutto l'anno – sciroppi, succhi di frutta, vini, creme, pasticcini, insaltate, carne e salse. Fucsia – maggio settembre – marmellate, insalate, macedonie, pasticcini, selvaggina, yogurt e cioccolate. Geranio – marzo novembre – dolci Nasturzio – aprile novembre – leggermente piccante è adatto per insalate, zuppe, formaggi, carpacci e salse. Petunia – aprile settembre – ideale per tutti i tipi di dolci, formaggi, selvaggina e insalate. Tagete spp – marzo novembre – tartine, insalate, sorbetti, crostate e per guarnizioni. Viola cornuta – settembre maggio – essiccati ideali per canditi. Freschi per insalate, dolci, caramelli, marmellate e gelati. Viola W. - settembre maggio – formaggi, dolci, gelati, pesce, carne e insalate. Rosa – maggio settembre – formaggi, dolci, gelati. Ottimo per pesce, carne e insalate. E se volete saperne di più Floricultura Carmazzi o Flowers2eat