Vivere la casa con stile

Tag tableware

“S” come sheffield

  Gli oggetti in Sheffield divennero popolari verso la fine del XVIII secolo grazie alla scoperta della placcatura oggi detta “Old Sheffield”. Consisteva nella copertura a caldo di lastre di rame con lastre d’argento che, aderendo perfettamente fra loro, permettevano di lavorare il materiale ottenuto a sbalzo e cesello come fosse argento. Ebbe inizio in […]

Continue reading...

“R” come römer

di Laura Tasso. Il Römer è un bicchiere con coppa ellissoidale che si innesta su un robusto stelo cilindrico, decorato a volte con bottoni a forma di lampone e spesso ingentilito da decorazioni e incisioni. Inizialmente realizzato in area germanica nelle Waldglashütten, vetrerie che, fino al XIX secolo, lavoravano nelle foreste sfruttandone la potassa e […]

Continue reading...

Tutti i colori della Pasqua

Una festa tutta all’insegna dei colori e della fantasia, non senza qualche elemento a tema pasquale. E decisamente è il blu il colore preferito da Bunzlau Castle che, in occasione della Pasqua, propone la sua nuova collezione di ceramiche in versione primavera. Brocca, portaburro, mug e uovo sale/pepe.   Infine un vassoio portauova che può […]

Continue reading...

“P” come peltro

Cos’è. E’ una lega composta da stagno e da piccole quantità di antimonio e rame. Fin dai tempi antichi l’uomo lo ha utilizzato per la sua duttilità  realizzando oggetti di uso comune, vasellame per la tavola, posate e molto altro. Cenni storici. Dai reperti archeologici possiamo dedurre con certezza che l’uomo utilizza lo stagno da […]

Continue reading...

“O” come oliera

di Laura Tasso. Un tempo l’olio si versava direttamente dalla bottiglia o dalla brocca, usanza che si è protratta a lungo nelle case meno abbienti. Solo a partire dalla metà del XVI secolo, per poterlo portare in sala da pranzo insieme all’aceto, furono realizzati appositi contenitori che poggiavano su un unico supporto insieme a quelli […]

Continue reading...

A tutto vetro

La trasparenza che conquista, bicchieri, brocche e recipienti di ogni forma e volume, tutti in vetro. Pratici e di design, portano un tocco di leggerezza in tavola.  Come la proposta tableware di Tablo, brocca multifunzionale dal taglio obliquo, resistente sia al caldo che al freddo, lavabile in lavastoviglie. Blueside propone invece bicchieri e brocche della […]

Continue reading...

Il piattino del pane, quel tocco in più

C’è chi lo ama e che lo reputa demodè. Eppure considero il piattino del pane decisamente pratico ed elegante, anche nelle tavole informali. Utile per evitare che le briciole restino sparse sulla tovaglia, soprattutto quando si apparecchia con tovagliette all’americana o runner. E’ stato introdotto sulle tavole dagli inglesi. POSIZIONAMENTO. Che sia coordinato al vasellame, […]

Continue reading...

“L” come Limoges

di Laura Tasso. Limoges, un nome che viene subito associato alla porcellana, a sontuosi servizi da tavola, oggetti preziosi ma come è arrivata la porcellana a Limoges? Un passo indietro nel tempo ci porta in Cina, dove è nata la porcellana. Accolta in Europa con grande entusiasmo, ebbe vari tentativi di imitazione che, tuttavia, si […]

Continue reading...

“H” come Hoffmann, Josef

Josef Hoffmann architetto e designer (Brtnice, Moravia, 1870 – Vienna 1956). Allievo a Vienna di Otto Wagner, fu tra i fondatori della Wiener Secession (1898) che si contrapponeva all’allora prevalente stile Art Nouveau. Nel 1903 invece Hoffmann e Josef Maria Olbrich fondarono il Wiener Werkstätte* con il sostengno di un ricco banchiere, principale mecenate della […]

Continue reading...

L’anima di Christofle

La mise en place questa volta si sposta su un particolare importante, le posate. Voglio farlo con la nuova collezione L‘Âme de Christofle firmata dal designer spagnolo Eugeni Quitllet. Questa nuova collezione di posate in acciaio sposa la purezza sensuale di un materiale dai mille riflessi e la forza di una lama affilata. Questa serie […]

Continue reading...