Vivere la casa con stile

#stopsingleuseplastic – per un mare più pulito

 “Non c’è più spazio per fregarsene” è l’allarme lanciato dall’Associazione Marevivo con la campagna di sensibilizzazione contro l’utilizzo delle plastiche monouso #StopSingleUsePlastic e la realizzazione di un video che mostra come ormai siamo invasi dalla plastica.

A dimostrare quanto sia importante cambiare rotta i dati diffusi dal programma per l’ambiente delle Nazioni Unite (Unep) sull’inquinamento da plastica. Ogni anno produciamo 300 milioni di tonnellate di plastica ed entro il 2030 potremmo raggiungere 619 milioni di tonnellate. Negli oceani ne finiscono 13 milioni di tonnellate, é come se trovassimo 16 buste colme di spazzatura per ogni metro delle nostre coste. Solo il 9% dei 9 miliardi di tonnellate di plastica prodotte nel mondo, a partire dal 1950, è stato riciclato. Il resto è finito incenerito, in discarica e nell’ambiente.

Oltre ai rischi ambientali, vanno valutati anche quelli economici. In Europa, secondo i dati raccolti dall’Unep, le attività di pulizia delle coste e delle spiagge costano 630 euro milioni all’anno. Alcuni studi stimano che il danno economico provocato dalla plastica all’ecosistema marino ammonti a 13 miliardi di dollari l’anno, compromettendo le attività del turismo e della pesca. E’ vero che recentemente l’Europa ha messo al bando dal 2021 la plastica monouso, ma ha passato la “palla” ai singoli governi nazionali, che dovranno agire in fretta e recepire al più presto e in maniera sensata la normativa. L’Italia, con le sue tante coste, amate da molti turisti anche stranieri, è uno dei paesi che si occupa meno dello stato di salute dei suoi mari. Per non arrivare, come al solito, all’ultimo momento, quando ormai è troppo tardi, sarebbe meglio agire da subito.

«Siamo partiti dalla campagna contro i cotton fioc e le cannucce di plastica, – spiega Raffaella Giugni, Responsabile Relazioni istituzionali di Marevivo – simboli dell’usa e getta per eccellenza perché si usano per pochi minuti ma, se dispersi nell’ambiente, ci rimangono per sempre. Ora chiediamo di mettere al bando anche altri prodotti tra cui stoviglie ed imballaggi. Una proposta che anticiperebbe la Direttiva Europea permettendo all’Italia di essere il primo paese ad avere uno strumento legislativo per ridurre l’impatto delle plastiche sull’ecosistema marino».

locandina marevivo stop use plastic

Qualche numero per capire l’entità del problema

• Produciamo 300 milioni di tonnellate di plastica ogni anno.

• Gli imballaggi di plastica rappresentano il 50% di tutti i rifiuti in plastica prodotti nel 2015.

• Più di 150 milioni di tonnellate di plastica sono presenti attualmente negli oceani.

• 13 milioni di tonnellate di plastica finiscono nel mare ogni anno. Tra 15 anni sarà il doppio. È come se trovassimo 16 buste colme di spazzatura per ogni metro delle nostre coste.

• Nel 2050, in termini di peso, nei mari ci sarà più plastica che pesci.

• Il 49% della marine litter (rifiuti marini) è costituito da plastica monouso.

• In tutto il mondo si utilizzano quotidianamente più di 1 miliardo di cannucce. Solo negli Stati Uniti ogni giorno se ne consumano 500 milioni.  Abbastanza per poter fare il giro del mondo 2,5 volte.

• Nel mondo vengono prodotti 10 milioni di sacchetti di plastica al minuto

tartaruga marina sacchetto plastica

Leave A Comment

Your email address will not be published.