Vivere la casa con stile

In arte Donna Letizia

Colette Cacciapuoti Rosselli in arte Donna Letizia. Ecco è lei una delle signore a cui mi ispiro quando parlo di buone maniere. Considero il suo libro, un’ottima lettura per tutti.

Cenni biografici.
Questa straordinaria donna, di madre inglese e padre napoletano, nata a Losanna (Svizzera) nel 1911, ci ha salutato per sempre il 9 marzo 1996, a Roma. E’ stata una scrittrice, illustratrice e pittrice ma è nota al pubblico per la seguita rubrica di buone maniere “Il saper vivere”, che ha tenuto sui settimanali Grazia e Gente. Nel 1974 è convolata a nozze (le seconde) con il giornalista Indro Montanelli ma preferì mantenere il cognome del primo marito, Rosselli.

Il libro.”Il saper vivere di Donna Letizia” pubblicato per la prima volta nel 1960 (oggi edito da Rizzoli), tratta di buone maniere e di norme pratiche del convivere civile, validissime anche al giorno d’oggi. Come si legge nella prefazione “Il saper vivere di Donna Letizia può insegnare qualcosa sulla disposizione delle posate ma, soprattutto, su una civiltà del gusto e del comportamento che non ha perso di attualità”. Un manuale che insegna non solo come organizzare un tè in maniera impeccabile o scrivere un perfetto biglietto d’auguri ma suggerisce come affrontare, ogni giorno, il difficile mestiere di vivere.

Storia
A metà degli anni cinquanta le rubriche sul galateo erano seguite, anche perché erano tutte firme di signore con nomi altisonanti e l’editore Arnoldo Mondadori propone a Colette di curare la rubrica di buone maniere sul settimanale Grazia. Nasce così Donna Letizia.

Curiosità
Nel 1984 Colette Rosselli decide di far morire il suo personaggio che sparisce dalle rubriche dei giornali poiché “i tempi erano cambiati e Donna Letizia non aveva più senso che esistesse”. In verità mai come oggi i suoi preziosi consigli sarebbero utili e preziosi.

Nell’immagine sotto, illustrazione ripresa dal libro di Donna Letizia.

illustrazione di donna letizia

Leave A Comment

Your email address will not be published.