Vivere la casa con stile

Buone maniere in spiaggia

di Cristina Isacco, etiquette coach e presidente di Academy for ladies.

A meno che non possediate una spiaggia privata è bene ricordarsi qualche regola di comportamento da tenere in pubblico, in questo caso sull’arenile. Sebbene la tecnologia faccia ormai parte del nostro quotidiano, potreste abbassare la suoneria dei dispositivi così da non turbare la quiete dei vicini d’ombrellone. Magari a loro non importa che voi siete sulla cresta dell’onda e ricevete milioni di messaggi, email e mi piace sui social. Quando parlate al telefono usate un volume di voce che non costringa tutta la spiaggia ad ascoltare le vostre conversazioni.

Così come sarebbe educato tenere a bada la prole affinché non ricopra di sabbia la vicina comodamente sdraiata sul lettino a prendere il sole tutta oliata dalla crema solare. Se decidete di fermarvi sotto l’ombrellone a pranzo, evitate di accamparvi con sedie tavolini e sdraio, dando vita ad una trattoria a cielo aperto con tanto di melanzane alla parmigiana e lasagne fumanti.

Alle signore si consiglia di evitare costumi troppo succinti o un look troppo vistoso. In fondo andate al mare non ad una sfilata di moda. Cercate di non occupare più spazio del dovuto per non invadere quello altrui. Per chi fuma, si munisca di posacenere per non lasciare mozziconi ardenti sulla sabbia a rischio di ustione se qualcuno li calpesta. Quanto ai selfie, un po’ di pudore non sarebbe male. Insomma, non fatevi riconoscere anche in spiaggia.

spiaggia con cappello sabbia e ciabatte

Leave A Comment

Your email address will not be published.