Vivere la casa con stile

Pareti di casa e colori – occhio alla luce

L’importanza del colore in casa, soprattutto sulle pareti e in generale nei diversi ambienti, viene spesso sottovalutata o trattata in maniera superficiale. Il classico colore pastello in cucina al posto del canonico bianco ad esempio, non va letto in senso assoluto ma inserito in un contesto più vasto, quello dell’importanza della luce nella resa dei colori.

Quante volte, portando a casa un barattolo di colore visto sul classico campionario, ci si accorge, purtroppo a lavoro ultimato, che è diverso da quello visto sulla parete modello del negozio? Questo perché la resa del colore è notevolmente influenzata dalla luce. Quindi, prima di decidere che una parete della cucina sarà di quell’azzurro pastello tanto inseguito, considerate quanta e quale luce riceverà quell’ambiente nel corso della giornata e naturalmente fate delle prove di colore prima di affrescare 30mq in un colpo solo.

Ma allora, come scegliere le tonalità giuste per i diversi ambienti della casa? Ecco qualche consiglio per affrontare la questione in maniera razionale.

colori scuri pareti

Punti cardinali

L’esposizione è la prima cosa da verificare. Ogni stanza infatti riceve una luce diversa, perché diversa è l’esposizione e la disposizione delle aperture. In generale, le stanze esposte a Nord ricevono una luce fredda con una dominante tendente al blu, quindi utilizzando ad esempio tonalità tendenti al grigio, seppure eleganti,  si rischia di “spegnere” l’ambiente. Meglio tonalità chiare e calde che esaltino la scarsa quantità di luce che arriva.

Opposta situazione per le stanze esposte a Sud. Qui infatti la luce è abbondante e arriva già con una tonalità calda. Colorare questi ambienti sarà più semplice perché possono essere trattati con colori caldi o freddi e soprattutto non presenteranno durante l’arco della giornata variazioni di colore evidenti perchè la quantità di luce che arriva da fuori sarà costante.

Infine, Est e Ovest vanno di pari passo con alba e tramonto. Se a Est al mattino si avrà una bella luce calda e nel pomeriggio fredda, a Ovest sarà l’esatto contrario. Quindi scegliete i colori anche in base all’utilizzo della stanza in questione perché la luce artificiale costa.

punti cardinali esposizione casa

Ogni stanza ha il suo colore

Ogni ambiente della casa, una volta stabilita la sua esposizione, necessita di un colore ben definito per tinta e sfumatura. Sembra un’affermazione banale ma in realtà viene spesso trascurata. Iniziamo dall’ingresso. Spesso stretto e buio, a volte inutilmente immenso. Meglio utilizzare tinte calde che poi giochino sulla sfumatura più o meno chiara. Danno un senso maggiore di accoglienza e di calore. Nulla vieta l’utilizzo di tinte scure ma state sempre attenti alla luce che questo riceve durante la giornata, altrimenti sarete costretti ad accendere le luci anche di giorno.

In cucina il bianco deve esserci sempre perchè genera un senso di freschezza e pulizia. In camera da letto meglio colori freddi e rilassanti che accompagnino il sonno. Nella cameretta dei bambini tonalità intense e vivaci saranno stimolanti per le attività. Insomma, la luce naturale è importantissima perché interagisce poi con i colori scelti creando stimoli visivi che producono effetti positivi sulla qualità della vita. Quindi, prima di impugnare il pennello, fermatevi a riflettere su questi aspetti e su tanto altro. Il colore risultante sarà così quello giusto come migliore resa. Poi i gusti sono gusti.

campione colore casa

 

Leave A Comment

Your email address will not be published.