Vivere la casa con stile

Contatori elettrici smart in arrivo – a spese nostre

In vista un cambio dei contatori elettrici che coinvolgerà milioni di famiglie. Già in questo periodo, ma l’operazione verrà completata durante tutto il 2017, tutti i contatori elettrici installati a partire dal 2001 e che hanno quindi una vita media di 15 anni, saranno sostituiti con nuovi apparati di seconda generazione. Questo per dare un servizio aggiuntivo a tutti gli utenti, almeno questo è l’intento, visto il funzionamento di quelli attuali che già dovevano essere intelligenti e certificati, e far diventare il contatore una vera e propria centralina domestica. Tutti i maggiori distributori sono quindi chiamati in causa per mettersi in regola e di conseguenza tutti gli utenti si tengano pronti all’ennesima batosta.

Quali vantaggi

Nuovo design e nuova elettronica integrata per permettere a quanto pare di controllare in tempo reale i consumi elettrici di ogni utente con uno scarto nella lettura di 15 minuti. Questo permetterà di eliminare la cosiddetta coda di fatturazione, cioè i conguagli che puntuali arrivano sempre nel periodo di “magra”. Spostarsi quindi da un operatore all’altro dovrebbe essere un’operazione più veloce di quella odierna. In più, potrebbe essere superato il sistema delle fasce predefinite (F1, F2 etc.) con un’offerta dedicata o addirittura soluzioni prepagate.

contatori elettrici casa

Ma quanto ci costerà?

Questa ventata innovativa costerà mediamente intorno ai 150 € a utenza che saranno addebitati in bolletta secondo le modalità decise dal gestore, quindi non è chiaro se sarà possibile rateizzare o meno l’importo. Non poco conto ma potremmo risparmiare qualcosa quando sarà il momento di scegliere l’operatore telefono/internet per casa. Come? Grazie a questa nuova tecnologia, la fibra ottica potrà passare insieme ai cavi dell’energia elettrica ed essere controllata dal nuovo contatore. In futuro avremo quindi delle sorprese con nuove possibilità di cablatura anche in zone che oggi risultano essere remote e lasciate fuori dai circuiti metropolitani principali.

green energy

Come comportarsi?

Dal punto di vista economico c’è poco da suggerire, bisognerà pagare il nuovo “elettrodomestico” in bolletta. Dal punto di vista invece pratico, ecco qualche suggerimento per rendere il passaggio senza sorprese successive. Innanzitutto sapere quanti anni ha il proprio contatore, questo permette di fare due calcoli e ipotizzare la data di sostituzione. Ovvio che al momento della sostituzione sarà meglio essere presenti in casa, anche se il contatore di solito è in locali esterni, e a fine lavori farsi rilasciare dall’installatore il certificato di conformità insieme a quello di sostituzione con tutti i dati del vecchio contatore, consumi e numero di matricola. Proprio da queste sostituzioni nascono spesso problemi di fatturazione successivi, meglio fare una foto al display, meglio se con data, del consumo registrato.

internet fibra casa

Salva

Salva

Leave A Comment

Your email address will not be published.