Vivere la casa con stile

Homi – la vetrina sulle prossime tendenze per la casa

Il salone degli stili di vita – Homi, nei padiglioni di Fiera MilanoRho, chiude oggi dopo una quattro giorni dedicata a casa, tavola e persona. Tanti gli spunti e i suggerimenti per rendere ancora più bella e accogliente la propria abitazione con materiali nuovi, anche tecnologici, o il riadattamento di prodotti iconici alle nuove esigenze moderne.

sgabello Ovarin in legno di Giulio Iacchetti distribuito da Hands on Design

sgabello design

Una vetrina internazionale per le prossime tendenze casa, ma è davvero così?
“I prodotti raccontano l’evoluzione del gusto – spiega Cristian Preiata, Exhibition Director della manifestazione – e qui a Homi ci impegniamo per presentare tendenze, idee, commistioni di gusti. In questi anni abbiamo raccolto la tendenza all’ibridazione degli stili, molto diffusa in una società multietnica come la nostra e abbiamo assistito all’ingresso massiccio di nuove usanze e festività, da Halloween alla festa dei Nonni. L’arredo tavola, prima fondamentale solo per le grandi occasioni, ora diventa un piacere quotidiano, dove tutti gli accessori possono contribuire a trasformare ogni pranzo o cena in un’occasione speciale. Insomma, gli “stili di vita” sono in continua evoluzione. La nostra sfida è anticiparli e raccontarli al meglio”.

Zuk, zuccheriera in due formati, realizzata dalla più antica produttrice di Kyoto di contenitori in metallo su progetto dei designer Shiina+Nardi Design 

zuccheriera design

Ma la casa viene ancora percepita dagli italiani, soprattutto i giovani, come un tempo. In altre parole, c’è voglia di spendere per oggetti belli e di qualità o imperversa sempre più il low cost anche nel tableware e dinnerware?
“La casa ha smesso di essere un luogo soltanto funzionale, legato alle nostre esigenze pratiche, per diventare un luogo esperienziale, dove le nostre azioni quotidiane e i nostri gusti trovano risposta in oggetti che ci circondano. I giovani sono i più sensibili a questa nuova tendenza, si circondano di accessori variegati, amano il vintage, l’etnico, il tecnologico. Sono abili a trasformare gli ambienti, anche piccoli, in minuscole nicchie ricche di personalità. In questo senso, low cost e alta gamma si fondono, anche se la qualità piace, dura nel tempo, e, alla lunga, risulta la scelta più appagante per personalizzare gli ambienti”.

La camera da letto riscopre l’eleganza regale del blu, come nella collezione autunno inverno proposta da Fazzini

biancheria letto design

Nel panorama casa, il Made in Italy come è percepito?
“Tutto ciò che è fatto in Italia ha una marcia in più, inutile ribadirlo. Siamo soprattutto fieri di osservare la curiosità dei compratori stranieri per le aziende più piccole, spesso ricche di stile e dai prodotti dall’alto valore di ricerca. Inoltre riscontriamo il buon successo delle aziende italiane a Homi New York, appuntamento che ci ha messo in contatto con il mercato statunitense, uno dei più interessati all’offerta Made in italy. Insomma, il Made in Italy piace, e la varietà che continuiamo a esprimere rappresenta un continuo stimolo per il mercato estero”.

Il nuovo robot multifunzione da cucina MINI di KitchenAid. Più piccolo e leggero rispetto a quello classico, ma ugualmente potente

kitchen aid mini

Nell’immagine di copertina: Husk, contenitore isolante in feltro per bottiglie, ottenuto da un singolo foglio di materiale, designer Barbara Arciuolo

Leave A Comment

Your email address will not be published.