Vivere la casa con stile

Acquisto elettrodomestici – le valutazioni importanti da fare

Acquistare elettrodomestici per la casa, oggi significa affrontare una spesa significativa che talvolta può pesare sul budget familiare. Ma non si può fare a meno del frigorifero o della lavatrice. Allora come cavarsela con un budget limitato? Basta fare le giuste valutazioni, tra un elettrodomestico e l’altro scegliendo quello più adatto alle nostre esigenze. E non è detto che la marca blasonata faccia la differenza contro un brand meno conosciuto in fatto di affidabilità. Spesso si dice che un brand “minore” invecchi prima, e di conseguenza sia soltanto un buon investimento nel breve periodo. Non sempre è così, ma è meglio fare delle considerazioni mirate prima dell’acquisto, accertandosi ad esempio che siano marchiati CE e IMQ e che non ci si ritrovi con un manuale di istruzioni in coreano perché si è acquistato online.

Frigorifero

Insieme al citofono, in cui utilizzo e consumo sono davvero irrisori, il frigorifero è l’unico elettrodomestico che rimane sempre acceso, notte e giorno. Innanzitutto, va fatta una prima valutazione su incasso o libera installazione, soprattutto in vista di futuri traslochi. L’efficienza del motore deve essere ai massimi livelli, quindi la classe energetica almeno in A+ per non ritrovarsi con consumi esagerati. Il No Frost è indispensabile per evitare la formazione di ghiaccio, e la bassa rumorosità permette di fare sonni tranquilli se la camera da letto è nelle vicinanze. Naturalmente tutto deve essere rapportato, quindi significa che se vi piace il doppia porta di design, magari con il controllo da remoto, il vostro nucleo familiare dovrà essere numeroso per giustificarne l’acquisto.

frigorifero

Forno

Elettrico o a gas, è il primo quesito al quale rispondere. Superato questo primo passaggio, bisogna accertarsi che, nel caso ad esempio sia elettrico, abbia una discreta efficienza per evitare grandi consumi di energia elettrica. Così la ventilazione forzata sarà migliore di un forno statico, perché in quest’ultimo caso non si riuscirà in pieno a raggiungere una temperatura uniforme. Poi c’è tutto l’universo dei multifunzione, del vapore integrato, di quelli con addirittura il microonde, o delle ricette preimpostate e degli autopulenti. Non che siano opzioni da sottovalutare, ma alla fine l’importante è che sia sicuro, quindi dotato di blocco comandi e porta – contro l’apertura accidentale del bambino che, guarda caso, si aggira sempre in cucina -, vetro e maniglie a temperature idonee, sistema di autospegnimento a fine timer impostato.

forno

Lavatrice

Bucato impeccabile, profumo di pulito e magari panni già semi asciutti e parzialmente stirati. Il desiderio di tutti, donne e uomini alle prese con questo elettrodomestico. Malgrado si siano fatti passi da gigante tra cariche frontali e cestelli super tecnologici, il lavaggio del bucato è sempre più preciso, ma alla fine i panni bisogna stirarli. Quindi meglio tenere d’occhio le caratteristiche davvero importanti che faranno la differenza nell’acquisto. Meglio il display o la classica manopola analogica? Va fatta semplicemente la considerazione che se ci sono più dispositivi, sarà maggiore la probabilità di rottura. Inoltre bisogna anche qui vedere la classe energetica, e in particolare quella della centrifuga, insieme ai decibel di rumorosità e al carico massimo per ogni tipo di tessuto, anche per tenere sotto controllo i consumi elettrici. Programmi specifici o risciacqui particolari sono utili fino a che la quantità di acqua utilizzata sia ragionevole. Importanti invece i dispositivi anti allagamento, quindi contro il trabocco o le perdite, e la possibilità di fare il mezzo carico.

lavatrice

Lavastoviglie

Coperti che sfiorano quelli di un ristorante, cestelli in numero imbarazzante per posate e coperchi. Questo e altro sono le lavastoviglie odierne che promettono lavaggi impeccabili già a temperature basse, sensori che analizzano il livello di sporco e agiscono di conseguenza. Le prestazioni di lavaggio sono sicuramente importanti, ma la caratteristica davvero irrinunciabile è anche qui, come negli altri settori, la classe energetica. Poi tutto il resto, come le prestazioni in fase di asciugatura, la possibilità di effettuare cicli brevi nel caso in cui i coperti siano inferiori alla capienza massima, la partenza ritardata per evitare consumi energetici in fasce orarie non economiche, la silenziosità in fase di esercizio e il consumo di acqua.

lavastoviglie

Salva

Salva

Salva

Leave A Comment

Your email address will not be published.