Vivere la casa con stile

Una lavanderia multifunzionale – tradizione e modernità

Pensare alla lavanderia come a un comune locale di servizio è riduttivo. Siamo tutti affascinati dall’eleganza della semplicità ma il passo per renderla “anonima” è breve come qualsiasi altro interior trascurato all’interno della casa. Abbiamo già parlato di come organizzare una lavanderia ma è utile sottolineare alcuni dettagli. Innanzitutto la sua multifunzionalità. Sia organizzata in un piccolo spazio, nel bagno di servizio o abbia un locale tutto per sé, la lavanderia del nuovo millennio è un portento di tecnologia e possibilità che possono essere anche pensate per altre stanze della casa.

Nell’immagine: Ho.Me Laundry di Arbi Arredobagno – info e prezzi arbiarredobagno.itlavanderia casa

Multifunzionale, eclettica e personalizzata. La lavanderia è indubbiamente influenzata dal design ma non dimentica la sua funzione originaria. È il locale dove conservare tutto il nécessaire per il bucato, dall’asse da stiro alla lavatrice, ma vive di progetti su misura – un esempio è la collezione Ho.Me Laundry di Arbi Bathroom – che possono convivere con la tecnologia più aggiornata ed essere inseriti in bagni già esistenti senza che lo stile ne risenta, accoglienti esattamente come i bagni padronali.

Nell’immagine: Dryer Plus di Deltacalor – info e prezzi deltacalor.comradiatore bagno

Un esempio sono gli scaldasalviette di ultima generazione – come Dryer Plus di Deltacalor – perfetti anche in un bagno tradizionale, multifuzione con termoventilazione e parti mobili che diventano veri e propri stendini termici. Programmi studiati per gestire l’umidità all’interno della stanza e combattere eventuali muffe, senza dimenticare il risparmio di tempo nell’asciugatura.

Nell’immagine: Ho.Me Laundry di Arbi Arredobagno – info e prezzi arbiarredobagno.itlavanderia casa

Tecnologia ma anche tradizione. Una lavanderia si compone principalmente di una lavatrice, di mobili studiati su misura per contenere panni, ricambi, eventualmente un’asciugatrice, ma non dimentichiamo un grande classico che non può mancare: un ampio lavandino in ceramica. Un elemento irrinunciabile anche in presenza dell’high tech più aggiornato che strizza l’occhio al design contemporaneo per una casa all’insegna dell’ordine. Anche in lavanderia.

Nell’immagine di apertura: Bolle di Arbi Arredobagno – info e prezzi arbiarredobagno.it

Una lavanderia che non teme umidità e muffa

Il problema del locale lavanderia e dei bagni in generale è spesso l'umidità, un dettaglio che se trascurato chiama a gran voce la nemica numero uno delle stanze di servizio: la muffa. Areazione: Una semplice finestra risolve automaticamente il problema dell'aria stagnante. Ogni volta che si stende il bucato, anche in inverno, è bene aprire la finestra per areare la stanza e ridurre l'umidità. In mancanza di una finestra una ventola di areazione forzata supplisce il deficit e le nuove pompe di calore oltre ai termostati e scaldasalviette di ultima generazione hanno il potere di cambiare la situazione in un attimo. Umidità: Poche regole sono capaci di regolare il grado di umidità della stanza e preservare gli elettrodomestici. Un'abitudine intelligente è quella di lasciare aperti oblò e dosatore del detersivo dopo ogni lavaggio, facendo prendere aria anche a loro esattamente come ai panni stesi. Pulizia: La pulizia della lavanderia vive delle stesse regole di quelle del bagno ma essendo un locale molto più esposto all'umidità e al rischio di formazione di muffe può essere pulita con una soluzione di aceto bianco e acqua calda - 1/3 di aceto per 2/3 di acqua - con cui pulire tutte le superfici, compresi i muri e gli angoli della stanza. Le fughe delle piastrelle torneranno invece bianche se strofinate con uno spazzolino intinto in una soluzione igienizzante ottenuta mischiando bicarbonato con dell'aceto bianco in parti uguali.

Leave A Comment

Your email address will not be published.