Vivere la casa con stile

Quarto piano ingresso 1B, è design

Un sodalizio, quello dei due designer (qui sopra) Simone Fanciullacci e Antonio de Marco che inizia ai tempi dell’università. “Prima che colleghi noi siamo soprattutto amici. Dopo esperienze lavorative separate in diversi studi, abbiamo deciso di unire le forze e rispettive competenze. E’ nato tutto per gioco, trovandoci di sera in casa, ed è infatti da qui che deriva il nostro nome 4P1Bquarto piano ingresso 1B, nel tempo da semplice passatempo serale è diventata attività lavorativa, nonostante tutte le difficoltà e soddisfazioni che questo tipo di scelta comporta”.

Il loro campo di azione spazia in molti settori dall’arredo, ai complementi, fino alla carta da parati. “Il nostro primo progetto è stata una cabina per ascensore. Nel tempo, ci siamo confrontati spesso con il mondo del mobile e del complemento sia per la grande distribuzione che per gallerie che prediligono pezzi di forte impatto da proporre in serie limitata”. Tra le attività dei due designer ci sono anche oggetti particolari, come la progettazione della minuteria metallica per alcuni marchi di moda: fibbie e chiusure per borse ma anche custodie per strumenti musicali in fibra di carbonio.
Il mondo del mobile e del complemento, un po’ per formazione un po’ per nostra stessa natura, resta comunque una delle nostre passioni più forti ed è per questo che l’anno scorso abbiamo dato vita al nostro marchio, Edizione Limitata. Il nostro piccolo spazio in cui sperimentare e proporre collaborazioni con artigiani e produttori italiani che nel corso degli anni sono diventati collaboratori ma soprattutto amici”.

Sarete presenti al Salone del Mobile? “Al Salone presenteremo una nuova sedia da esterni disegnata per Chiars&More, con cui avevamo già collaborato per il progetto Jujube. Poi, De Vecchi Milano 1935, all’interno del proprio showroom in via Santo Spirito, presenterà le nuove declinazioni della famiglia 273 con una selezione dei pezzi più significativi presentati in ottone lucidato. In Via San Marco 2 a Brera invece cureremo l’allestimento per Grandinetti, storica azienda marchigiana che produce cementine e graniglie. Racconteremo i loro meravigliosi prodotti mettendoli in dialogo con alcune cose che abbiamo disegnato in questi anni ma anche con delle novità come una collezione di lampade sviluppate per Gluce”. Infine un progetto, l’ultimo in ordine di tempo, ma che per ora resta top secret ” però possiamo dire però che ci ha dato la possibilità di collaborare con una realtà milanese di grande prestigio e siamo onorati di questo” – 4p1b.comfacebook.com/4p1b.design

Ed ecco alcune delle loro creazioni.

design

Deus per Secondome (foto sopra)
E’ una coppia di oggetti trasformati in macchine. La struttura in ottone è in realtà un meccanismo che permette di utilizzare l’oggetto. La brocca, grazie ad un ingranaggio, viene inclinata così da versarne il contenuto, mentre il candelabro, per mezzo di una semplice leva, permette di spegnere la candela togliendo ossigeno alla fiamma.

design

Bouquet per Emmebi Design (foto sopra).
E’ un semplice ma elegante candelabro in ottone. Formato da tre elementi principali dai quali emergono i sostegni per le candele, può essere modificato con un semplice gesto così da ottenere composizioni sempre differenti.

Sotto Grapevine per Edizione Limitata
Il tratto distintivo di questa libreria a parete sono le mensole, dematerializzate fino a trasformarsi in un semplice profilo, che danno vita ad una libreria leggera e permeabile. La particolare lavorazione posteriore delle due spalle in legno, permette di spostare sia in orizzontale che in verticale le mensole; queste ultime possono a loro volta essere poi arricchite con ripiani in metallo e reggilibri in legno. Grapevine può essere installata anche in serie, così da ottenere un’unica libreria a parete capace di coprire grandi superfici.

libreria design

Nell’immagine di apertura, i due designer

 

Leave A Comment

Your email address will not be published.