Vivere la casa con stile

Le mance

di Cristina Isacco, etiquette coach e presidente di Academy for ladies.

Per coloro che desiderano approfittare delle vacanze di Pasqua per fare un bel viaggetto, è bene che tengano a mente qualche consiglio per non rischiare di fare delle brutte figure, soprattutto all’estero. Cercate sempre di rispettare gli usi e costumi del paese che vi ospita. Fosse solo per curiosità, prima di partire, informatevi. In alcuni paesi ad esempio le mance sono obbligatorie e vengono calcolate in base al conto da pagare. Negli Stati Uniti si calcola una percentuale sullo scontrino mentre in Cina, le mance sono da evitare perché offendono chi vi offre un servizio. Stesso discorso se partecipiamo ad una crociera o negli alberghi, al personale di servizio.

Nel nostro paese la mancia non è dovuta per legge ma rientra nel modo di fare elegante di una persona di classe e garbo. Un fattorino vi ha consegnato un mazzo di fiori ? Siate gentili, lasciategli qualche euro di mancia. Anche se il servizio viene già pagato dal committente, il vostro gesto sicuramente vi distinguerà per cortesia e generosità. Vi recate dal parrucchiere per un nuovo taglio o una piega ai capelli ? Lasciate un buon ricordo di voi alla ragazza che vi ha servite. Sicuramente la prossima volta avrà un occhio di riguardo per voi. Al cameriere ineccepibile che vi ha servito al ristorante, una mancia strapperà un sorriso e gratitudine.

Prendete un caffè di corsa al bar ? Lasciate qualche spicciolo nell’apposito bicchiere posto sul bancone, di solito pieno di liquido colorato. Non ci avete mai fatto caso ? Eppure è proprio lì davanti ai vostri occhi ogni mattina quando, semi addormentati, fate colazione prima di recarvi a lavoro. Il ragazzo delle consegne ha attraversato la città sfidando il freddo ed il traffico per portarvi la cena, siate generosi. Qualche euro di mancia non vi manderà di certo in bancarotta. Insomma, la cortesia, generosità e gratitudine non sono malattie infettive, al contrario vi renderanno signori molto più dell’abito firmato che indossate illudendovi di appartenere ad un ceto elevato.

Leave A Comment

Your email address will not be published.