Vivere la casa con stile

Decorazioni floreali e geometria

di Nora Santonastaso – Design Outfit.

Qualche settimana fa parlavamo del verde negli interni nordici e, a questo proposito, vi dicevo che il clima rigido e la difficoltà di vivere all’aria aperta per un gran numero di mesi all’anno, portano gli scandinavi a costruire nelle proprie case veri e propri angoli dedicati alla natura.
Ma il richiamo al mondo esterno non si limita al piccolo giardino privato e, anzi, è esteso a molti altri accorgimenti che fanno delle case nordiche una sorta di specchio di ciò che avviene fuori e che, per essere reso confortevole, viene solo riscaldato (nei colori e nelle texture), decorato, ammorbidito. Vedi, ad esempio, il legame con i fiori. Anche se gli eccessi di certi interni francesi e italiani sono ben lontani, la decorazione che nasce dalla reinterpretazione di petali, corolle e foglie delicate è scandinava a buon diritto.

decorazioni floreali tavola

Il fatto che poi venga reinterpretata e mescolata alla geometria e ai colori solidi e pieni fa parte solo di un tipo di visione diversa: la volontà di scomporre l’insieme in forme semplici e ben leggibili, l’amore per il pattern ben definito, la necessità di integrare la decorazione a un disegno di interni funzionale e intimo (Marimekko).

textile casa

In alcune occasioni sembra però che questo legame casa / natura venga del tutto compromesso; pare che la strada scelta sia la geometria e non ci sia spazio per altro. Oppure può darsi che si tratti solo di un punto di vista diverso.
Issey Miyake che disegna una collezione per Iittala, ad esempio, mi pare che possa essere frainteso davvero difficilmente e che, tra quelle pieghe ben segnate, ci siano da leggere tante foglie, un po’ della lievità del vento e il verde in alcune giornate di sole.

decorazione tavola

Altre volte, invece, sembra che si debba fare un passo indietro e sforzarsi di capire il forte legame degli scandinavi con la tradizione, spesso raccontato sotto forma di illustrazione. La traduzione della natura locale, difficile e ricca in freddo e foreste, viene riportata attraverso la cura maniacale del tratto grafico. I dettagli fanno la differenza, così come la minuzia nel raccontare con i colori, anche su piccole superfici, la rarità e la semplicità di alcuni fiori primaverili (Arabia).

tavola complementi

Il terreno di gioco per questa sperimentazione decorativa che ha tanto a che spartire con la tradizione è, naturalmente, la tavola. Qui la primavera è presente tutto l’anno e concede, tra le righe e negli spazi ben definiti dai tratti puliti, qualche bella pennellata di colore. Verde e blu intenso sono i più presenti (Rörstrand).

Leave A Comment

Your email address will not be published.