Vivere la casa con stile

Regali sì, regali no

di Cristina Isacco, etiquette coach e presidente di Academy for ladies.

Feste natalizie, tempo di regali. Sì, ma quali regali fare? Siate originali e cercate di andare incontro ai gusti di chi li riceve. Un libro per chi ama la lettura, un cd del cantante preferito, una selezione di tè a chi ama la bevanda ambrata, un kit da viaggio per chi ama girare il mondo. Si suppone che conosciate le persone alle quali farete doni quindi con un po’ di fantasia non sarà poi così difficile scegliere il dono più adatto. Prendetevi il tempo necessario e non riducetevi all’ultimo minuto.

Evitate i classici panettoni e spumate quando andate a porgere gli auguri a casa di amici. Tenete a mente che non si portano cibo e bevande quando si è invitati. Sono tuttavia graditi i cesti natalizi con i prodotti di nicchia tipici del territorio, meglio se acquistati a km zero. Non riciclate i regali, magari una svista li riporterà nelle mani di chi ve li ha donati e l’imbarazzo che ne consegue potrebbe esservi fatale a livello sociale. I profumi sono troppo personali a meno che non siate certi che possa essere gradito e soprattutto un uomo non regala un profumo ad una donna sposata. Potrebbe essere scambiato per un avance inopportuna.

Evitate di sommergere i bambini con i giocattoli così come sono sconsigliati i prodotti tecnologici ai minori con la scusa che “i suoi compagni ce l’hanno”. Uno smarthphone in mano ad un bambino non è un gioco di cui essere fieri perché sa usarlo ma una mina vagante per i malintenzionati che vagano sul web in cerca di vittime. Niente regali esosi per non mettere in imbarazzo chi li riceve dato che un dono va contraccambiato. Scegliete con cura i doni per i nonni e non perché vi regaleranno i soldini ma perché è una fortuna averli ancora accanto e poterli abbracciare. Un consiglio per tutti, cercate di pensare anche a chi di regali non ne riceverà durante le feste. Siate di esempio per i vostri figli ed insegnate loro ad essere caritatevoli. Un offerta alla parrocchia di quartiere o doni per i bimbi costretti in ospedale durante le feste. C’è solo l’imbarazzo della scelta. E’ Natale per tutti, o no ?

Leave A Comment

Your email address will not be published.