Vivere la casa con stile

Natale scandinavo

di Nora Santonastaso – Design Outfit

Per abitudine si è portati ad associare l’estremo nord al freddo e a una certa chiusura rispetto alle emozioni e ai sentimenti. Gli scandinavi, nell’immaginario dei mediterranei, sono come immersi in un guscio di vetro, limpido e resistente al ghiaccio e alle intemperie, con gli occhi azzurri a colore del cielo e strati su strati di maglioni in lana intrecciata a sfidare temperature quasi polari. Tutto questo sembra, ma non è, almeno per quanto riguarda la mia idea di calore legata al Natale e a tutte le feste che lo introducono e poi lo diluiscono in scintillii nei primi giorni dell’anno nuovo.

natale

Mi spiego meglio. Per abitudine (e per piacere) mi faccio capitare davanti agli occhi, ogni giorno, parecchie immagini di interni di case finlandesi, svedesi, danesi, norvegesi. La scusa di questa abbondanza (che a volte sconfina nell’ossessione) è la necessità di riempire quotidianamente le pagine del mio blog di novità di design.

natale

E quello nordico, se accantono per un attimo il nostro, è il più affine al concetto di intimità della casa, di quieto silenzio domestico, di tradizione ferma e sicura che a volte, senza strattoni, ama concedersi il lusso della divagazione nel contemporaneo (H&M, ambientazione della collezione Home Winter). Per esperienza so che tutte queste qualità sentimentali del design scandinavo trovano la loro più ampia espressione quando sono associate al tema del Natale.

tavola

L’interno nordico simbolo di quello che vi racconto brilla, in dicembre, per il candore delle sue pareti; scricchiola per il legno del suo parquet lasciato grezzo o forse solo velato di bianco; riflette la gioia della festa in decorazioni discrete, perfettamente integrate con il resto degli arredi e dei complementi che già da tempo vivono in casa (ferm LIVING, decorazioni natalizie).

candele natale

La casa scandinava che aspetta e accoglie le feste è un’ospite perfetta anche per familiari e amici. Candele (Ikea, nell’immagine) e accessori delicatamente luminosi e preziosi favoriscono la conversazione e possono essere disposti, anche a gruppi (bene se non troppo numerosi) sul tavolino accanto al divano e persino in cucina, quando è proprio questo ambiente a essere il fulcro della convivialità domestica. In questo Ikea docet e, in quanto a comunicazione, non ha rivali.

006

Le feste scandinave devono il loro carattere discreto a una qualità predominante: vestono la quotidianità e, almeno per un breve periodo dell’anno, la fanno percepire più luminosa, pura e calda, tanto lontana da quella freddezza che siamo abituati ad associare al nord remoto e buio. Bianco, argento, oro, bronzo predominano sul rosso. Il verde è quasi solo dell’albero, rigorosamente non artificiale. Le lucine decorative sono, tassativamente, bianche a luce calda; uno scandinavo doc non cederebbe mai al fascino del multicolore a intermittenza, in nome di quell’integrazione tra festa e vissuto quotidiano che vi dicevo prima.

Leave A Comment

Your email address will not be published.