Vivere la casa con stile

Il canone finisce in bolletta

La Legge di Stabilità 2016 propone di inserire il pagamento del canone Rai direttamente nella bolletta dell’energia elettrica. Essendo quest’ultima con cadenza bimestrale, si pagheranno € 16, 66  in sei rate annuali, quindi un totale di circa €100. Rimane soltanto da vedere se il recepimento della proposta sarà inserito in un decreto ad hoc che dovrà essere approvato entro 45 giorni dal Ministero dello sviluppo economico.

Per la maggior parte degli italiani il canone è digerito, si fa per dire, come una tassa ingiusta legata al mantenimento di una struttura voluminosa e non ripagata in termini di qualità del servizio. Della serie, se seguo altre emittenti, perché mai dovrei pagare un abbonamento per sostenere dei canali che in realtà non guardo? Giusta osservazione, direbbe qualcuno, ma la legge parla chiaro in merito. Gli unici a salvarsi potranno essere coloro che invieranno all’Agenzia delle entrate una dichiarazione di non possesso di un apparecchio tv o similari ( in realtà tutti i dispositivi che attraverso il collegamento ad un decoder possano far vedere i canai rai).

Dovrà essere pagato, nella nuova “scintillante” versione soltanto nelle prime case, compresi gli affittuari, per quelli che decideranno di non pagare alla stessa maniera di prima, è prevista una maxi sanzione che potrà arrivare fino a € 500. Nell’attesa quindi dell’ufficializzazione mediante la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, vedremo poi quanti saranno gli evasori acciuffati, quante sanzioni saranno emesse e soprattutto se aumenteranno quelli che non pagheranno nemmeno la bolletta elettrica sostenendo che le aziende dell’energia per rispetto della privacy non dovevano fornire i loro dati alla Rai che nel frattempo non è d’accordo sulla nuova versione. Forse perché sente odore di mancato guadagno? Rimanete sul canale de La Casa in ordine, almeno qui è grautito.

003

Leave A Comment

Your email address will not be published.