Vivere la casa con stile

Galateo tra gli scaffali

Anche con il carrello alla mano, in giro per gli scaffali, esistono delle regole di rispetto e buona educazione che non sempre vengono applicate. Quindi, avete capito bene, siamo al supermercato in procinto di fare la spesa e arrivare alla fine senza un esaurimento nervoso. L’utilità di avere una lista della spesa sta proprio nell’evitare inutili perdite di tempo, intralciare gli altri con manovre da tassista in pieno centro perchè il banco frigo è all’inizio del percorso e dimenticare qualcosa di veramente indispensabile.

Ovvio che andare nell’ora di punta vanifica l’utilità del supermercato ma se ci capitate, non prendetevela con il primo anziano al banco frutta che ha pesato angurie per noci di cocco. Mi raccomando, se nella testa avevate una ricetta da far provare a vostro marito e al posto del mascarpone avete preso lo stracchino, rimettetelo al suo posto e non nascondetelo tra i biscotti da prima colazione perchè avete fretta di uscire. E poi non cadete nell’errore di bere o mangiare qualcosa preso dallo scaffale con la scusa del “tanto lo pago alla cassa”, soprattutto se la merendina è destinata al pargolo indemoniato.

A proposito di pargolo, se è piccolo deve essere messo sul seggiolino, se invece è più grande deve stare vicino e non lasciato giocare a baseball con i barattoli dei pelati in sella alla bici in esposizione. I guanti non sono lì perchè vi chiederanno di fare la manutenzione al montacarichi ma vanno usati per scegliere frutta e verdura. Giunti alle casse non fate la classica accelerazione da gran premio, perchè ne sta aprendo un’altra, investendo tutto quello che vi ostacola. Finito di mettere la spesa nei sacchetti, magari rimandando la telefonata alla cugina australiana, riportate il carrello al suo posto, possibilmente senza lasciare residui del vostro passaggio. Buona spesa.

Leave A Comment

Your email address will not be published.