Vivere la casa con stile

E se pago in ritardo?

Mancano pochi giorni alla fatidica data del 16 giugno per mettersi in regola con il pagamento di Imu e Tasi. Chi non riuscirà a rispettare il termine, cosa rischia in fatto di sanzioni e come si deve comportare? E’ possibile ovviare al mancato pagamento attraverso il Ravvedimento Operoso che consente di pagare in ritardo con una sanzione ridotta rispetto al normale, a patto però che la violazione non sia già stata contestata dall’amministrazione e non siano iniziati i dovuti accertamenti.

Vediamo nel dettaglio le sanzioni previste in base ai giorni di ritardo, nelle quattro tipologie contemplate dalla legge di stabilità 2015, tenendo conto che il tasso di interesse annuo applicato sui ritardi di pagamento è dello 0,5%. Il ravvedimento può essere pagato tramite F24 o bollettino postale.

Ravvedimento Sprint. si può pagare l’imposta entro 14 giorni dalla sua scadenza applicando una sanzione dello 0,2% giornaliero sul valore dell’imposta dovuta cui aggiungere gli interessi giornalieri calcolati in base al tasso annuale.

Ravvedimento Breve. si applica dal 15° al 30° giorno di ritardo nel pagamento una sanzione del 3% dell’importo da versare a cui si dovranno aggiungere gli interessi giornalieri calcolati in base al tasso annuale.

Ravvedimento Medio. per un ritardo da 30 a 90 giorni la sanzione è del 3,33%. In questo particolare caso è applicata una sanzione minima ridotta ad 1/9 a cui si aggiungono gli interessi giornalieri calcolati in base al tasso annuale.

Ravvedimento Lungo. superato il 90° giorno di ritardo, ma comunque entro i termini di presentazione della dichiarazione dell’anno in cui è stata commessa la violazione, si può pagare l’imposta maggiorata della sanzione fissa del 3,75% a cui si sommeranno gli interessi giornalieri calcolati in base al tasso annuale.

Esempio di ravvedimento operoso, attraverso la tipologia breve, per Imu non pagata nei termini

Imu dovuta: 150€

Giorni di ritardo: 20

Sanzione da pagare: 4,50€

Interessi giornalieri totali: 0,04€

Totale da pagare comprensivo di sanzione e interessi: 154,54€

Quindi per un ritardo di 20 giorni si sborseranno 4,54€ in più rispetto a quanto dovuto nei termini.

Leave A Comment

Your email address will not be published.