Vivere la casa con stile

Acrobati, giochi di carte e nobili veneziani

di Laura Tasso.

Utilizzato fin dai tempi antichi in Estremo Oriente, dove la Cina ne aveva diffuso l’utilizzo a Giappone e Corea, in Europa pare che l’uso del paravento risalga al Medioevo, ma solo nell’Ottocento divenne un complemento d’arredo irrinunciabile.

Probabilmente l’influenza del Giapponismo, che ebbe inizio verso la metà del XIX secolo grazie soprattutto alle Esposizioni universali, fu determinante per portare in moltissime abitazioni anche i paraventi, rimasti poi nel dimenticatoio per anni.

Oggi tornano come eleganti complementi d’arredo come  Acrobati, di Fornasetti, in legno stampato, laccato e dipinto a mano, è disponibile in due varianti di colore, nero e grigio. paravento

Sempre di Fornasetti l’onirico Città di carte, con un cielo che rammenta gli ukiyo-e giapponesi, strizza l’occhio alle classiche mongolfiere del brand e ai quadri del Rinascimento italiano.

paravento

 

Ancora un paravento di legno ma decisamente più classico come Moro, di Porte Italia. Dipinto a mano con colori ad acqua e motivi che richiamano la natura e lo stile veneziano del XVIII secolo.

paravento

 

Foto di copertina: James Abbot McNeill Whistler, Capriccio in porpora e oro n. 2, 1864, Freer Gallery of Art, Washington.

 

 

 

Leave A Comment

Your email address will not be published.