Vivere la casa con stile

Milano Design Film Festival

di Valia Barriello.

Il Milano Design Film Festival ci riporta al cinema, sì ma di “nascosto”. L’appuntamento ha tutti gli ingredienti degni dei migliori rave: ritrovo comunicato solo il giorno prima dell’evento, location sconosciuta sino alla fine e rigoroso dress code, manca solo la parola d’ordine, forse, di certo non l’emozione di partecipare a un rendez-vous esclusivo.

É così che il Milano Design Film Festival vizia i suoi spettatori in attesa della prossima edizione della kermesse, ideata da Silvia Robertazzi e Antonella Dedini, con Cinema Nascosto, un appuntamento mensile che consente a un pubblico ristretto di scoprire luoghi di Milano normalmente chiusi o sconosciuti.

L’evento è gratuito, come da buona tradizione del festival, per poter partecipare bisogna però iscriversi per tempo sul sito, perché i posti sono ogni volta limitatissimi.

Il secondo appuntamento, tenutosi  martedì 10 marzo, ha aperto le porte di quella che diventerà una galleria d’arte Via Saterna, in onore a una delle opere più belle di Dino Buzzati “Poema a Fumetti”. Proiettato, seconda sorpresa della serata, il documentario “Exit through the gift shop” di Banksy lo street artist più emulato.

Al termine della serata rimane impressa nella retina l’immagine storica degli spettatori con i primi occhiali 3d incollati allo schermo. Ah! Perché non vi avevamo ancora svelato il dress code? Sun glasses at night!

Leave A Comment

Your email address will not be published.