Vivere la casa con stile

Ricevere è un’arte, che si impara

In fiera a Homi ho avuto la fortuna, e l’onore, di incontrare una donna straordinaria, una vera signora e maestra nell’arte di ricevere Csaba Dalla Zorza. Elegante e raffinata in ogni cosa che fa o che scrive, è stata per me fonte di ispirazione. In particolare quando si tratta di arte di ricevere. In uno dei suoi tanti articoli spiega come ognuno di noi può imparare a ricevere, basta non perdere di vista leggerezza e semplicità. Concordo in pieno naturalmente perché l’obiettivo finale è quello di ricevere in un clima sereno e familiare che faccia sentire tutti a proprio agio, padrona di casa compresa.

Ecco dunque qualche suggerimento affinchè possiate diventare maestri nell’arte di ricevere. Partiamo con l’organizzazione della stanze generalmente preposte a ricevere, il salotto e la sala da pranzo, naturalmente per chi ce l’ha. Qualche accorgimento vi permetterà di renderla più fruibile il giorno che avrete ospiti. Innanzitutto, se avete all’ingresso un armadio per cappotti e giacche, liberatelo e già che ci siete togliete tutto quello che generalmente si accumula con il tempo sul mensola dell’ingresso. Almeno il colpo d’occhio sarà decisamente più gradevole.

Un’ulteriore raffinatezza, riguarda il bagno deputato agli ospiti, predisponete degli asciugamani di piccole dimensioni in stoffa del tipo usa e getta (nella cesta accanto) e qualche saponetta profumata. Al momento dell’arrivo degli ospiti, non fatevi trovare con il grembiule allacciato a spadellare ancora in cucina ma accoglieteli e fateli accomodare. Sarà poi vostro marito o compagno a intrattenerli mentre voi vi occuperete degli ultimi dettagli.

Il segreto sta nell’organizzazione. Ricevere con cura richiede una certa preparazione e pianificazione. Quindi una volta stabilita la data, pensate all’organizzazione degli spazi (come per i cappotti ad esempio), quale menù e relativa mise en place. Se guadagnare tempo potete preparare la tavola già la sera prima o la mattina presto, così non ci penserete più. Lo stesso vale per tutte le stanze che vedranno i vostri ospiti. E quando suoneranno alla porta, un sorriso è il miglior benvenuto.

Leave A Comment

Your email address will not be published.